mercoledì 24 dicembre 2008

'A Letterine (=la Letterina)


E pure cuss'anne méno mèle,
E anche quest'anno menomale,
sime arrivète a Natèle.
siamo arrivati a Natale.
'Ha' viste, nonò, tu ca disce sémbe
hai visto nono, tu che dici sempre
ci sèpe ci cambéme?'Stavòlde pérò
chi sa se viviamo?Stavolta però

no ve fazze prumèsse
non vi faccio promesse
e pegghjàrve pò che fèsse.
e prendervi poi per fessi
Che farve cuntedènde ve diche
per farvi contenti vi dico
de iésse chjù respettùse;
di essere più rispettoso;
ècche,'na cose a volde
ecco, una cosa alla volta
forse jè chjù mègghje.
forse è megliò
A mè me pièsce u Natèle:
A me piace il Natale
no 'nge voche a scole,
non vado scuola
mamme prepère i cose bone,
mamma prepara le cose buone,
a chèse se iénghje de cristiène
la chiesa si riempe di cristiani
e tutte se vòlene bène.
e tutti si vogliono bene.
Ah, 'nge vulèsse nu Natèle a settemène!
Ah, ci vorrebbe un natale alla settimana!
Ma ciò ca me pièsce chjù assè
Ma ciò che mi piace di più
jé u mumènde da léttèrine,
è il momento della letterina,
e no tande ch'i garrìne
e no tanto per i regali
ca m'avìte a dè, ma purcè
che mi dovete dare, ma perchè
na volda tande pozze parlè.
una volta tanto posso parlare.
E allora stàteme a sènde:
E allora statemi a sentire:
u Bammìne na jè nète sckitte che mè
il Bambino non è nato solo per me
ca sò criatùre, ma jè nète che tutte,
che sono bambino,ma è nato per tutti,
ch'i surde e cechète,
per i sordi e i cechi,
ch'i sène e malète
per i sani e i malati
e pure che tè, nonò,
e anche per te, nonno,
ca stè sèmbè a lamendàrte;
che stai sempre a lamentarti;
e che tè, uè ma',
e per i tuoi, guai mamma,
ca iastìme a malasorte
che bestemmi la malasorte
ci 'nguna cosa te vè storte.
per ogni cosa che ti va storta.
Sendìte a mè:pegghjète a vite accome a nu Natèle
Sentite a me:prendete la vita come a un Natale
e no penzète sèmbe e uè,
e non pensate sempre ai guai,
tante, chidde no mànghene mè.
tanto, quelli non mancano mai.
A salute, chédda sì, vè cautelètè,
La salute, quella si, va cautelata,
no foss'alde c'acchjàrne tutte què
non fosse altro che per trovarci tutti qua
o pròsseme Natèle.
il prossimo Natale.




poesia di Edo Carella


*"TRADUZIONE"

20 commenti:

Veggie ha detto...

Effettivamente, per me è veramente difficile... Mi sa che mi conviene aspettare la traduzione, per le parole...
Ma il messaggio, quello che sta dietro le parole, l'ho percepito lo stesso... ^___^
Buon Natale, cara...

Follementepazza ha detto...

buon Natale...anche a te Veggie!!!!:-)
e soprattutto Buona Vita!

Lorenzo ha detto...

io ho capito perfettamente.
la prima frase dice:
anche quest'anno ci sono meno mele.

o no:-)

Follementepazza ha detto...

quasi..è:
E PURE QUEST'ANNO MENO MALE
(primo pezzo tradotto)

però bella la tua traduzione Lorenzo!
:-)
Buon Natale!

Sabatino Di Giuliano ha detto...

Buon Natale!

Follementepazza ha detto...

@Sabatino Di Giuliano:Buon Natale anche a te!Grazie...:-)

NERO_CATRAME ha detto...

ehi ho provayo con google ma non mi carica la poesia,lasciamo perdere battute politiche di poco gusto,auguri

u Bammìne na jè nète sckitte che mè
ca sò criatùre, ma jè nète che tutte,
ch'i surde e cechète,
ch'i sène e malète
e pure che tè, nonò,
ca stè sèmbè a lamendàrte;
e che tè, uè ma',
ca iastìme a malasorte
ci 'nguna cosa te vè storte.

Follementepazza ha detto...

NERO_CATRAME :su google...non credo che ci sia traduzione...cmq auguri anche a te!!!
p.s. :vorrei saperle 'stè battute di poco gusto...
p.s.2:non ho capito se vuoi la traduzione di solo quel pezzo o che...

Va buò...BuonaNotte!

Soroll ha detto...

Non è poi così incomprensibile.
Curioso notare che da voi peccato si dica "iastime", che assomiglia a "lastima" e "llastima" in castellano e in català, simile anche al sardo "làstima". Buon platonismo e manicheismo a tutti, comunque.

Myriam ha detto...

E pure quest'anno meno male,
siamo arrivati a Natale.Hai visto..
.........?Stavolta però
non vi faccio promesse
e vi prendo un pò per fessi.
Per farvi contenti vi dico
di essere più rispettosi;
ecco,una cosa alla volta
forse è meglio.
A me piace il Natale:
non vado a scuola,
mamma prepara le cose buone
la chiesa si riempe di persone
e tutti si vogliono bene.
Ah,ci vorrebbe un Natale a settimana!
Ma ciò che mi piace di più
è il momento della letterina,
.....................
:D è un'impresa! Io ci ho provato e sono riuscita a tradurre questo.Probabilmente, cara pazzerella ti farai una risata.ihih Sai, sono anche io meridionale e qualcosa riesco ad afferrarla.Questo è pugliese. Un abbraccio e buon Natale!

Follementepazza ha detto...

caro Soroll...mi dispiace contraddirti ma "iastìme" non significa peccato...ma significa"bestemmia"


Myriam:E pure quest'anno meno male,
siamo arrivati a Natale.Hai visto..
.........?Stavolta però
non vi faccio promesse
e vi prendo un pò per fessi.
Per farvi contenti vi dico
di essere più rispettosi;
ecco,una cosa alla volta
forse è meglio.
A me piace il Natale:
non vado a scuola,
mamma prepara le cose buone
la chiesa si riempe di persone
e tutti si vogliono bene.
Ah,ci vorrebbe un Natale a settimana!
Ma ciò che mi piace di più
è il momento della letterina,
...............
Tutto quello che sei riuscita a tradurre è Correttissimo!!!!


cmq un abbraccio anche a te...
Buon Natale Cara!!!
p.s.:
Un pò meridionale di dove?

Myriam ha detto...

:O sono esterefatta.. :) non credevo fosse corretto.
Sono siciliana io... quindi più o meno anche se è differente il dialetto ho potuto capire qualcosina.

Follementepazza ha detto...

No No Myriam sei stata davvero bravissima....
bè...
alla fine farò la traduzione di tutta la poesia ...
e vedrai qnt parole sembrano essere improbabilmente nemmeno lontanamente italiane....
Ti auguro una buona serata....

Enigma ha detto...

aspetto anch'io la traduzione;-)
soprattutto per la seconda parte... che è un po' più complicata.. e io sono anche un po' imbranata=)
ancora BUON NATALE!

Myriam ha detto...

Aspetto allora la traduzione dell'intera poesia... ;) specialmente dell'ultima parte che non ho avuto il coraggio di affrontare ..ihih :)
Buona serata anche a te!

Dual ha detto...

Grazie Follementepazza un buon s.stefano a te.

Matthew ha detto...

Attendiamo traduzione integrale. Per molti, comunque, il natale è soltanto il venticinquesimo giorno dell'ultimo mese dell'anno...

stellavale ha detto...

Non bisogna perdere i dialetti!

Follementepazza ha detto...

@ Enigma:guarda io sicuramente ti supero in imbranatagine...sai ho scelto qst poesia perchè era l'unica che sapevo tutta a traduzione...:-P...non è per niente semplice il mio dialetto..
Ti auguro una buona giornata

@Dual:Grazie...anche a te...

@Matthew:infatti il giorno di natale si festeggia proprio il 25/12...il venticinquesimo giorno dell'ultimo mese dell'anno..per alcuni è solo qst...per altri è qk di più...o solo un pretesto per festeggiare qlk...cmq.
Buonagiornata!

@stellavale:sono daccordissimo...bisognerebbe sempre preservare il proprio dialetto...anche se è molto difficile...
un saluto e buonagiornata!

Myriam ha detto...

Quando ti deciderai a postare la traduzione? scherzo :)
La mia e la tua esperienza che ci tornano alla mente ascoltando la canzone di Liga sono simili..puoi scoprirlo nel mio blog. Ciao