martedì 30 dicembre 2008

Alla deriva

Parole su fogli di carta...
parole che fanno troppo male...
scritte per poterle farle andare.
Per allontanarle dai miei pensieri...

Prendo quel foglio intriso d'inchiostro
ormai è pieno di parole...
colmo di penosi pensieri...
che voglio far navigare...
e quindi una piccola barca mi metto a forgiare...


Fuori ha piovuto...
e piccoli ruscelletti percorrono le strade...
è ora che la piccola barca...intraprendi il suo cammino...
e porti alla deriva i miei pensieri.

Adagiata nell'acqua...
inizia a navigare
e lentamente ad allontanarsi...

Le parole d'inchiostro, a contatto dell'acqua,
mutano in insignificanti macchie......
Ombre dietro parole in dissolvenza...
che portan alla deriva la mia tristezza...

domenica 28 dicembre 2008

andamento altalenante



lo senti urlare?!

è il frangersi del mare...
il vento sussurra cosa deve fare...
inizia il suo dondolare...
e chi lo può arrestare?!...
è il battito del mare.

venerdì 26 dicembre 2008

Sorriso di Natale..

Sorride un uomo dai denti mezzi cariati...
lo sguardo illuminato da quelle luci intermittenti gli addolciscono il viso...
Piccole luci, come tante piccole lucciole
degli addobbi dell'albero...
delle scritte luminose...che auguronano la felicità...per le strade...
o quelle, che come edera, sembra nata attorno a balconi...
Sorride mettendo in evidenza quei denti
come tasti di un pianoforte tra tasti bianchi vi sono intercalati tasti neri....
Luci intermittenti variopinte
sembrano ora dita
che suonano una melodia su quel pianoforte di denti....


mercoledì 24 dicembre 2008

'A Letterine (=la Letterina)


E pure cuss'anne méno mèle,
E anche quest'anno menomale,
sime arrivète a Natèle.
siamo arrivati a Natale.
'Ha' viste, nonò, tu ca disce sémbe
hai visto nono, tu che dici sempre
ci sèpe ci cambéme?'Stavòlde pérò
chi sa se viviamo?Stavolta però

no ve fazze prumèsse
non vi faccio promesse
e pegghjàrve pò che fèsse.
e prendervi poi per fessi
Che farve cuntedènde ve diche
per farvi contenti vi dico
de iésse chjù respettùse;
di essere più rispettoso;
ècche,'na cose a volde
ecco, una cosa alla volta
forse jè chjù mègghje.
forse è megliò
A mè me pièsce u Natèle:
A me piace il Natale
no 'nge voche a scole,
non vado scuola
mamme prepère i cose bone,
mamma prepara le cose buone,
a chèse se iénghje de cristiène
la chiesa si riempe di cristiani
e tutte se vòlene bène.
e tutti si vogliono bene.
Ah, 'nge vulèsse nu Natèle a settemène!
Ah, ci vorrebbe un natale alla settimana!
Ma ciò ca me pièsce chjù assè
Ma ciò che mi piace di più
jé u mumènde da léttèrine,
è il momento della letterina,
e no tande ch'i garrìne
e no tanto per i regali
ca m'avìte a dè, ma purcè
che mi dovete dare, ma perchè
na volda tande pozze parlè.
una volta tanto posso parlare.
E allora stàteme a sènde:
E allora statemi a sentire:
u Bammìne na jè nète sckitte che mè
il Bambino non è nato solo per me
ca sò criatùre, ma jè nète che tutte,
che sono bambino,ma è nato per tutti,
ch'i surde e cechète,
per i sordi e i cechi,
ch'i sène e malète
per i sani e i malati
e pure che tè, nonò,
e anche per te, nonno,
ca stè sèmbè a lamendàrte;
che stai sempre a lamentarti;
e che tè, uè ma',
e per i tuoi, guai mamma,
ca iastìme a malasorte
che bestemmi la malasorte
ci 'nguna cosa te vè storte.
per ogni cosa che ti va storta.
Sendìte a mè:pegghjète a vite accome a nu Natèle
Sentite a me:prendete la vita come a un Natale
e no penzète sèmbe e uè,
e non pensate sempre ai guai,
tante, chidde no mànghene mè.
tanto, quelli non mancano mai.
A salute, chédda sì, vè cautelètè,
La salute, quella si, va cautelata,
no foss'alde c'acchjàrne tutte què
non fosse altro che per trovarci tutti qua
o pròsseme Natèle.
il prossimo Natale.




poesia di Edo Carella


*"TRADUZIONE"

lunedì 22 dicembre 2008

Interferenze

Occhi spenti a fissare la luce cangiante di un televisore
nel buio di una stanza...
illumina un corpo annoiato e spento...
la stanza avvolta dal rumore proveniente dallo schermo..
Fisso...lo sguardo davanti immagini e parole senza senzo..privi di ogni significato in quel momento..
ma continua a fissare lo statico movimento...
è l'unica cosa che emette un pò di vita nella stanza...
un corpo immobile nella stanchezza della noia..
una mano stringe il telecomando,
con un tasto può cambiare le sequenze di immagini e parole
ma niente può fare per cambiare una vita incosistente...
Stremato dal non far nulla...atrofizzato dalla noia....



ma ecco una ruga appare sullo schermo...
una ruga orizzontale che distorce i suoni e le immagini...
che pian piano si muove dividendo lo schermo in un immagine raddoppiata..
un gemito tra il nervosismo e la svogliatezza..."adesso si riprendera"
ma le immagini diventono sempre più confuse...e ora interferenze da altri canali si mischiano...
prova a cambiare...ma la situazione è uguale a tutti i canali....
quello che prima erano dialoghi, musiche ...si sono trasformate in un sordo rumore ripetitivo...
e lo schermo trasmette quadratini sul grigio...



Innervosito e scocciato si alza..si avvicina a dare un occhiata al televisore...
"tutti i fili sembrano a posto"...
"uffa ci voleva solo questa...la solita cigliegina sulla torta no?!"
Così decide di spegnere l'aggeggio...
e accendere un po' di radio...
Perchè il silenzio non vuole sentirlo...ha bisogno di riempire le orecchie qualunque cosa va bene...
basta che siano vocisimili...così si sente un pò meno solo...
preme il tasto on...si sente disturbato...cambia per un pò di stazioni radio ma niente sembra convincerlo...
allora prende uno tra i cd sparsi e lo inserisce nello stereo...
Inizia la musica seguita dalle parole...
Dalla finestra in tanto un lampo illumina la stanza in un flash...
seguito dal rumore del tuono...
che fa vibrare leggermente la finestra....
La musica continua...
intanto fuorni iniziano goccie a picchiettare a ritmo sempre più sostenuto
Alza il volume...della radio...
Un nuovo temporale...
Il cd si inceppa e si fema a ripetere sempre lo stesso punto...
si avvicina allo stereo
ma mentre procede...il frastuono del temporale si rifà sentire...
e dopo poco..silenzio...
il buio e completo...
é andata via la corrente! "la mia solita fortuna del cavolo"
un lampo illumina di nuovo la stanza per pochi secondi...
poi tutto si illumina la radio riparte e si riaccende la tv...
"ma che cavolo scuccede!"
si dirige verso la tv...fa per spegnerla...ma invece di spegnersi
si cambia canale...Interferenze...
Non capisce cosa succede...ma ormai è diventata una sfida contro quel cavolo di aggeggio...
"devi essere spento!"...
cerca la spina..
Un groviglio di fili nascosti dallo schermo si rivelano...come tanti piccoli serpentelli...
Nervoso...non sta pensando più a quale filo deve staccare...l'importante è farlo smettere...
Avvolge entrambe le braccia intorno al televisore e ,con tutta la rabbia
..lo stradica, come un erbaccia...
Il rumore televisivo smette tutto d'un colpo...
lascia cadere in un tonfo la carcassa televisva ...
Ora nn vuole sentire più nulla...
tutte queste interferenze...
ora lo irritano...
acceso l'interruttore della rabbia....
ora vuole solo spaccare tutto.....

mercoledì 17 dicembre 2008

the castle


Vivo in un castello...
a un passo dal mare...
e godo ogni giorno della stupenda visuale...

Gli architetti bambini l'han costruito...
e di tutto l'hanno munito...

...ad ogni passo si sfalda in polvere ocra..
e discende lenta come la sabbia in una clessidra
a dire che lento sta invecchiando anche lui castello...
Anche il vento si accanisce contro
..le punte dei pinnacoli..che vengono così smussati...

Goccie dal cielo iniziano a scendere...
e frangendosi contro la dimora la solcano lasciando la loro impronta...

e così fragile questo mio regale castello!

ma in fondo è normale...
è di sabbia questo casale




martedì 16 dicembre 2008

Il lanciatore di coltelli

Sicuro dell'infallibilità della tua mira mi fissi...
sfidandomi in una gara di sorrrisi:
Sorrido a labbra serrate..
nascondendo il mio vero stato d'animo...
sorrido anche se dentro urlo e piango...
sorrido perchè è questo che devo fare...
il copione da seguire.

Immobile..."devo stare immobile"...
nell'attesa del lancio
Vorrei fuggire...ma rimango lì...

Attimi che diventano eterni
"Muoviti!"...sai che per me è un agonia
ma tu mi guardi divertito...

Finalmente ti decidi a lanciare...
nel rapido movimento di quella lama non se ne distinguono le forme...
una scheggia di luce tagliente si muove nella distanza che ci separa..


e rapida si incastra poco distante dal mio braccio...
quasi a sorreggermelo
...trappola alla mia stanchezza...

A questo ne segue un altro lancio che mira altrove...

Il pubblico applaude estasiato...
e io continuo nella mia finta ammirazione..a sorridere...

Alimento il sorriso con l'immagine di vendetta:
lame aguzze, ora dirette verso di me...
ribelli ritornano da chi le ha scaraventate...
in un moto contrario...
dove è lui quello messo al muro...




sabato 13 dicembre 2008

come Stanlio e Ollio

Credo che mi sei mancata nei 15 mesi da sola...
anche se di certo non me lo posso ricordare....
Noi che ci siamo distinte dai primi vagiti:
Io pappa e nanna...
Tu che di mangiare ti rifiutavi...

passano gli anni...
e io divento quella che non sta mai ferma...
e tu l'esempio da seguire...

passano altri anni...
che vedono la comparsa...delle altre 2 sorelle...
sembra che ci siamo distribuite il loro volerci bene...
io sono stata più vicino a loro da piccine...
e a te amano incondizionatamente ora...

diverse ma complementari...
ma da sorelle siamo anche uguali...
come Stanlio e Ollio...
(Tu magra come Stanlio...io bè più simile a Ollio)
come il giorno e la notte...
come l'acqua e il fuoco...
(Ti ricordi così ci paragonavano i prof.in comune)

insieme facevamo di tutto...
dai giochi..a buttarci la colpa...
dal litigare facendoci del male...al volerci bene...

sei la mia prima amica,
la mia complice...e la mia critica...

Spesso mi infondi la forza per affrontare la vita..
Ho cercato, a mio modo, sempre di aver cura di te...
di difenderti da ciò che poteva farti male...
ma spesso non sono stata capace..

Tu che sei la mia roccia e anche il mio punto debole
sono orgogliosa di esserti sorella...
Probabilmente meriteresti una sorella migliore di me...
ma magari il mio essere sbagliata ti rende più giusta!



Poche parole sono importanti...e una è la sola che sento di dirti:
Ti voglio bene...

giovedì 11 dicembre 2008

Stanby

stesa a terra
...sul manto di foglie...
ha perso le conoscenze...
funzioni vitali ridotte al minimo
il corpo ha decellerato il ritmo vitale
all'improvviso
senza preavviso..
il cuore ha rallentato il battito...
ed ora è in coma persa nella natura

occhi chiusi,
e labbra serrate...
non era stanca...ma ora è spenta...
e nessuno può svegliarla...
nessuno può curarla..

ma ecco la natura...non rimane a guardare...
Un piccolo ragno inizia a tessere la sua tela
pian piano è coperta dal lensuolo di ragnatela...
intanto inizia a calare le tenebre...e l'aria si rinfresca..
e questa coperta può servire...
foglie cadono..aderendo alla tela di ragno...
così passò la notte...temprata dalla coperta

acqua in goccie...
scivolano da alcune foglie che effettuano da traspirazione...
idratandola...

passa un altro giorno è lei
è ancora immobile...
e spenta
circondata da vita..continua..e in movimento

passato qualche altro giorno...
lei si rigenera..quel tanto da aprire gli occhi..
dal sonno senza sogni...
ma riesce a muore solo gli occhi...
il resto è immobile...
non nè percepisce più l'esistenza...
muove gli occhi..
a destra e sinistra ..

deve alzalsi...
prova a muovere le mani...
ma i primi tentativi falliscono...
ma tenace ci riprova...
fino a riuscire a muovere qualche dito...
riacquistati il potere della mano...
rompe la ragnatela scrollando le foglie..
ma riesce solo a muovere le braccia...
il resto è bloccato...insensibile...è rimasto addormentato..
allora decide di sfruttare quello che riesce ad usare...cioè le braccia...
con esse si fà da leva per rialzarsi..e mettersi seduta
e facendo forza sulle braccia trascina il proprio corpo a pochi centimentri più dietro..
liberandosi ultriormente dalla sua coperta..
si ferma per riprendere le forze..

si sente un pò un baco intento nella metamorfosi per diventare una farfalla...
ma si chiede se riuscirà a tornare a camminare....

lunedì 8 dicembre 2008

..neve..

Camminando...
contro il gelido vento che si oppone al movimento...

l'aria gelida sembra mettermi delle invisibili, ma spesse corde...che mi cingono...
e sembrano tirarmi indietro...
il freddo gelido...pian piano, si avvinghia..ai lembi di pelle scoperta...
entra nelle fessure dei vestiti...
Un gelido abbraccio....

Bianca e candida...dal cielo...scaraventata in disordine scende neve


...ha formato uno spesso tappeto bianco...
che aumenta di spessore...
mentre gradualmente....pian piano fiocci di neve si attaccano a tessuti e capelli...
Tutto è celato da questa coltre bianca e gelida...
Con passo rallentato...sempre più esusta continuo il cammino...
La meta è ambita...è il ristoro del calore del proprio rifugio...
...ma l freddo immobilizza sepur parzialmente...
sembra distanziare ulteriormente...
rallenta...copre...anestetizza tutto...
Ma la resa non è contemplata!
Avanti!
Ancora...un passo segue un altro..a fatica,rallentato...prudente...ma procede....
Intanto prosegue il freddo affetto del gelo...coi suoi abbracci i suoi baci...
mi sembra sentire persino il sangue che circola più lentamente...iniziandosi a congelare...

Lontano, ma non molto inizio a scorgere...il riparo...la meta ambita...
ancora qualche sforzo....
..ancora poco....
sempre meno....
intanto diminuisce la distanza...
ora mancano pochi passi...
ancora sbalottolata...
ma manca pochissimo...
ecco davanti la porta...
dopo poco sono al riparo dal gelo...
la differenza di temperatura mi fa sentire una sorta di bruciore alle mani...
...ormai in casa mi affaccio alla finestra guardando il freddo al caldo...
alzo poi lo sguardo al cielo...
la neve scendere..ora mi sembra quasi calda...
e noto che il cielo mi sembra spiccatmente concavo....
fisso il mio riflesso...nel vetro della finestra...notoando che il mio riflesso sembra ripetersi più volte a distanza...sembra che poco più distante ci sia un altro vetro più spesso...
Continuo ad osservare la ripetizione del riflesso...
ora sembra colorarsi come se qualcosa preme al di là del vetro...
come un enorme mano che preme sul vetro...
...
oh mio dio....qualcosa fa muovere tutto....

si muove persino la casa...

oh cavolo...sono rinchiusa in una palla di neve!!

venerdì 5 dicembre 2008

In ombra

E' notte..
Una notte di poche luci...
messa alla porta dall'esasperazione di una madre che non sa' come aiutare la figlia nei compiti
Nel buio e nella tristezza di non riuscire a fare quel che era un semplice compito,
seduta sul gradino davanti la porta,
con gli occhi pieni di lacrime...scalza..
un po' paurosa decide di smettere di piangere,
e allora volge il suo sguardo verso il giardino...inghiottito dal buio...
solo poche luci illuminano...qualche lampione...
ed ecco...un ombra attira lo sguardo della bambina...
cos'è?!...alla bambina sembra un ombra di una fata...
incredula stropiccia gli occhi..ma l'immagine sembra proprio l'ombra di una fata
con il cappello a cono e un vestito rigonfio...
un pò impaurita, ma anche curiosa vorrebbe andare in contro a quell'ombra
...ma è scalza...come fare?!..ormai è quasi decisa ad alzarsi ed andare verso quell'ombra..
anche scalza..
allora inizia ad alzarzi...
ma la porta alle sue spalle si apre...

é la mamma che la rifà rientrare.....

mercoledì 3 dicembre 2008

SOAC

S'innalzano al cielo...
fiamme d'acqua..
Scintille fuoriescono dai confini di quel camino fatto di sabbia e roccia...
Il falò d'acqua per recuperare le forze ascende precipitoso...schiumando..
e dopo poco, riacquistate le forze si rinnalza...

Non si rassegna...
Deve raggiungere il cielo...

Intanto al là del camino del mare...
piove fuco...
Ammassi incandescenti..
si muovono nell'imensità del cosmo...
senza meta...e vincoli di gravità...





la pioggia di fuoco sfiora la biosfera terrestre...
e miei occhi ne seguono lo spettacolo della pioggia in stelle cadenti...

martedì 25 novembre 2008

A ritmo del Silenzio

Illuminati da un neon..
dove luna e stelle sembrano essere curiosi spettatori
Davanti a quello spiazzale di petre....
antrio di un piccola villa...
Rimaniamo abbracciati,
uniti....
fermi...

Ti stringo la mano...
e folle ti guido a iniziare una piccola danza...
senza musica....
a ritmo del silenzio...
e di una felicità che si alterna a sorrisi silenziati...
sonore risate...
Parole...parole...a poco servivono...
bastava ascoltare quella nostra musica...
solo nostra...
Che silenziosa a potenziali altre orecchie....
...A noi riusciva a far ballare..........

...Specchio.....


Ho deciso...
con te mi comporterò come uno specchio...
Sono più che stanca della falsità dei tuoi silenzi
Sono arcistufa del star male per te...
Non mi meriti...
non meriti nemmeno la minima attenzione da parte mia...
...ho detto sarò il tuo specchio
...comportati pure da stronzo ora...
e io sarò stronza
continua a non parlarmi...
anch'io farò lo stesso...
"spechio specchio delle mie brame"
recitalo pure davanti allo specchio...
lo ripeterà...
"perchè la più bella sono io"
E lo specchio non risponde ma ripete

sabato 22 novembre 2008

Dietro l'apparenza

Uno stupendo scenario davanti a me...
un pavimento erboso sorregge un enorme cielo azzurro...

vado avanti
e sembra paradossalmente che possa quasi toccare quel cielo...
sembra avvicinarsi

Procedo ancora nella stessa direzione... Mi fermo, c'è qualcosa che non va.
Tendo la mano...
ma qualcosa la blocca...
è il cielo che mi blocca...
faccio pressione
e quel cielo si strappa...
allora ciò che ho visto fin ora è solo finzione....

Una bella messa in scena...

Devo andare fin in fondo alla beffa...capire quanto è vero e quanto costruzione, simulazione del reale.

Inizio così, con accecata rabbia a frantumare quel falso cielo...dagli scuarci già fatti solo un cupo niente
...nessuna luce, nessuna bellezza...
ma continuo a strac
ciare quella falsità che mi è stata messa davanti..
tesa a prendermi in giro a rendermi cieca...
facendomi vedere ciò che voleva vedessi..


Dubbi atroci mettono
ombre su tutta la mia esistenza...
Chissà da quanto tempo vengo ingannata?!
C'è mai stato qualcosa di reale?


ora si vede meglio quel buio celato..

posso andare oltre quel che mi hanno fatto credere di essere reale e scoprire cosa c'è veramente...

Procedo oltre...quello che poco fa era un confine invalicabile..
verso quell'ignoto buio fin'ora sconosciuto.

La fioca luce del mio mondo passato...
illumina quel piccolo nuovo mondo che stavo per andare conoscere...
Con la vista limit
ata dalla pochissima luce che riusciva ad entrare, cammino a lenti passi cercando di captare gli ostacoli con le braccia
Dopo un bel po'....
,in un punto in cui anche quel leggero barlume di luce non arriva

davanti a me avverto un nuovo ostacolo,
...questo più cosistente...al tatto...è un muro...
decido di percorre quel muro...alla ricerca di un qualche apert
ura...
di un punto debole...


Ora la mia mano si scontra con un sporgenza...
che si rivela una maniglia...

abbasso la maniglia..
e scopro che la porta non è chiusa a chiave
dallo spiraglio aperto una luce ...



allora mi decido e apro di più...
una luce accecante mi spinge a ripararmi gli occhi...
con il braccio

Poi lentamente li riapro togliendo il braccio vedo meglio...

e una vertigine mi assale...

sono sull'orlo di uno strapiompo:
Roccie ascendenti ricoperti da una fitta vegetazione...
un enorme voragine da cui non se ne intuisce la fine...

piena di vita vegetativa...
che nasco
nde l'eventuale altra vita...


giovedì 20 novembre 2008

La forza della vita


La testa tra le mani, e il tavolo coperto da bollette, e altre cose da pagare...
E tardi, ma l'orario è l'ultimo dei suoi pensieri,
tanto sa già che non riuscirebbe a chiudere occhio
Demoraizzato rifà nuovamente i conti...
ma niente rimane sempre qualcosa che non potrà essere pagata.
Il pensiero va alle due donne della sua vita:
A quella piccola creaturina di pochi anni, che sta imparando così velocemente a crescere..
e a sua moglie...che dorme per recuperare le forze dopo una giornata di lavoro.
E' frustrato da tutta questa situazione...
lavoro,lavoro...per cosa? per arrivare a non far quadrare i conti..per permettersi a stento il necessario.
"Non è giusto!"..."non è giusto che non posso dare ciò che meriterebbe la mia famiglia"...
Mah a che serve lamentarsi?!..
Alza la testa distogliendo lo sguardo dalle cartaccie che sommergono il tavolo...
e si ferma a quel mobile...
Quel mobile ben chiuso da una chiave...lontano dalla serratura.
Non tanto attratto dal mobile in sè ma dal suo contenuto
...tramandata da un suo zio..ancora perfettamente funzionate vi era riposta una pistola..
poteva essere quella la sua soluzione...sparire dalla faccia della terra..avrebbe risarcito tutto l'assicurazione..
Ormai accecato dalla disperazione si avvinò pian piano al mobile...prese la chiave e la infilò nel buco della serratura...dopo qualche girò...il mobile era aperto.

Nel frattempo nella stanza da letto la piccina si sveglia,stropiccia gli occhietti...
e si mette in piedi nella culletta...vede coi suoi occhietti che la mamma dorme...
e come ha imparato a fare, scavalca con modi goffi le barre della culletta..da una carezzina leggera alla mamma senza svegliarla e va a cercare il papà...
cammina con le sue gambette piano piano, reggendosi al muro seguendo la luce che proviene dalla stanza dove è il papà...arivata vicino alla porta aperta si nasconde un attimo dietro e poi fa "pha"...e corre alle gambe del papà...le allunga le braccia per dirgli "prendimi in braccio"
e lui lo fa...la prende e la alza...
la bimba allora lo abbraccia e dopo poco gli dice alzando la testa dalla spalla e guardandolo negli occhi "papà pechè tei ancora veio?""pechè non veni a fare la nanna?"
In quel momento lui abbandona quel idea assurda che gli era balenata in testa
e risponde ala sua piccina si...ora ci andiamo insieme...dovevo finire una cosa...
La bimba allora poggia la sua testolina a quella del papà, poggiando il naso al suo e guardondolo fisso negli occhi disse prima ridendo "papà ihih...hai solo un occhio"
e poi più seria "ti amo...papà!"
......



martedì 18 novembre 2008

passeggiando in compagnia della pioggia



Scesa dal treno mi avvio in facoltà
..
sembra che abbia smesso di piovere. ...
Ma invece no...era solo una piccola pausa di riflessione
...
come per sorprendermi..."bu"...sembra dirmi..."sono qui ancora"...
si offrì di accompagnarmi per il tratto che mi restava da fare.

Sorridendole lievemente le dico:"O.k. pioggia" e estraggo il mio ombrello giallo dalla sacca...."andiamo!"

iniziò così a dire chiacchiere in pioggiese..
prima a ritmo di una leggera pioggerella...

e poi sempre più presa dal suo narrare intensificò man mano quei suoi ragionamenti... alzando il tono...
Decide di mettersi sotto braccio...
bagnando il giubbotto penetrando fino alla maglia..
ma per niente egoista la pioggia parla a tutti ..rende lucido l'asfalto tanto da ricoprine di uno strato che cattura immagini colorate degli scenari..e di persone..ne appare un ombra a colori

scorrono mini cascate..e vari affluenti.. alcuni truccati da polveri e terriccio: bianco, marrone-rossicio,e anche un violaceo-sbiadito.. Invano cerco di non essere investita da questo tuo manto su strade e marciapiedi.. e così riesci anche a risalire parte del jeans... arrivata in aula il nostro incontro è ancora vivo su parte delle robe che indosso..
muovendomi in brividi..



domenica 16 novembre 2008

... .....

Terreni aridi..asciugati al sole..
solchi di vuoto in un suolo indurito
un desolante spettacolo...che disegnava bene il suo stato d'animo...
iniziò così a scorrere per il suo viso una lacrima...
seguita da un altra....
tracciando un percorso tortuoso..lungo il volto...
fino a raggiungere quelle crepe nel terreno...
poco alla volta, quelle lacrime, umidirono la terra su cui si poggiavano
...compattandosi...unendo quelle fenditure .

Mentre quell'aridità si rigenerava a nuova vita...
lei piangendo ..si inaridiva...
ma non si arrestò...
continuò...seccandosi...
crepe si formarono ora sul suo corpo...
in un lento consumarsi..
ma davanti a lei...nuova vita si stava rigenerando
...finchè tutto ciò che la circondava riprese vita
e lei divenne polvere...



sabato 15 novembre 2008

le imposizioni del vento

Fuori il vento sembra lamentarsi...
Iroso...si diverte a mettere scompiglio...
Foglie secche sembrano ballare una folle danza strisciando e sollevandosi leggermente da terra.
sembrano divertirsi...in capriole e rotolamenti vari
..insieme a leggere polveri...
che si imbattono di tanto in tanto nei visi
di uomini ,o donne, che si stringono nei "soprabiti"...
Lunghi capelli..scompigliati a dovere...




mani che cercono di domare queste chiome invano

Come si diver
te...questo vento!

Finestre lasciate erroneamente aperte sbattono ferocemente contro il muro...
porte in competizione sbattono anche loro...
Tende bianche prendono vita...
come fantasmi Fogli su tavolo ,volano perdendo l'ordine accurato con cui erano stati riposti..
Rami di alberi, compiaciuti, sembran applaudire ...
entusiasti...

chiedono il bis..



Il vento impone così il suo volere anche al mare...

che irritato ,da questa imposizione,
inizia violento a scagliarsi contro contro tutto ciò chè incontra..

Divertito il vento del suo operato alterna soffiate f
orti a soffiate deboli...

Fino a che ormai scaricata la rabbia inizia a calmarsi.

giovedì 13 novembre 2008

blu light


Aia..
cos'è questo rumore?
..dove sono?

A fatica apro gli occhi:
prima la palpebra destra come se pesasse quintali..rimane ancora mezzo chiusa..e poi la sinistra...
mi appare una visione sfocata del contesto che mi circonda
..ancora non distinquo...

c'è una luce fioca...appena percettibile
...
qualcosa mi disturba...
ma non ne percepisco ancora la natura... ancora intontita
...disorientata...strizzo gli occhi per focalizzare
ma quello che vedo non lo riconosco... dove cavolo sono??? Come ci sono finira un questo posto?! Non può essere reale...
Ruichiudo gli occhi...e li riapro
...
niente non è cambiato nulla ..una luce bluastra..illumina questo strano posto... La parte superiore del mio corpo e in una sorta di grotta...mentre gambe e piedi sono solletticati dal lento movimento del mare...
Ancora stranita..e debole cerco di alzarmi...e dopo un paio di tentativi sono in piedi...

Mi dico:"calma! cerchiamo di capirci qualcosa"

cerco di far mente locale
...ma...non ricordo nulla! Che si fa ora?...bho!...
Constato che, a parte qualche graffio, e questa mia amnesia..Non ho riportato gravi danni..
Decido ,dopo una lunga riflessione...di fare una perlustrazione.

Mi faccio coraggio..e lentamente avanzo...
Si sente un leggero gocciolare proveniente dalla grotta...e vado in direzione di questo rumore..
La strana luce blusatra aumenta d'intensità con il mio avanzare..

arrivo davanti una sorta di varco nella roccia...
mi abbasso leggermente per entrare...

e al rialzare la testa,
mi ritrovo uno spettacolo
stupendo:
gocce di acqua alimentano una sorta di piccola piscina naturale..
in alto una piccola fessura che affaccia sul cielo...
fa entrare una timida luce lunare..

e incastonate tra le rocce...dei "cristalli"di un colore blu acceso che catalizzano la fioca luce che entra...rendendola bluastra....

Ancora incredula mi stropiccio gli occhi....

E poi sento un rumore distante...Drrrrrrrrrrriiiiinnnnnnnggggggggggg e una voce lontana che dice qualcosa.. ora distinuo qualche parola "caua"...(no non è così!) "..Claudia..ohi....Claudia.....Sveglia che è tardi!!!!!!"

mercoledì 12 novembre 2008

Evaso...Pensiero

Lentamente
poco alla volta, si è dato da fare...
Insinuato nella mia testa...e rimasto inespresso..per tanto ,troppo tempo
Con insistenza si ripresentava...scavando ,un pò alla volta, in quel muro di giudizi.
Spesso costretto alla reclusione di un mondo che proclama la liberta, ma che s pesso è piena di limiti..
Vengono spesso silenziati questi pensieri...uccisi..lasciati morire di fame.
Ma più forte di ogni bariera, di quelle sbarre...sei riuscito ad evadere
Irruento, Affamato, Ospite inatteso
ti sei seduto alla tavola dei tuoi inquisitori e hai fatto razzia dei cibi che a lungo ti son stati vietati.
Incurante di quali potevano essere gli esiti...Troppo a lungo sei stato Zittito...Troppe volte calunniato perchè sconveniente..o perchè diveso...
Ora è libero...evaso con fatica...
e forte di questa libertà faticata se ne va a zonzo senza una meta precisa...forte del non avere più un corpo che lo può vincolare....ora può smettere di camminare e volare



martedì 11 novembre 2008

Il labirinto di alberi



Sono in questo bosco
...sola..
ho perso gli altri e mi ritrovo impaurita a cercarli..
dove sono tutti? dove siete spariti?
Non dovevo andare a curiosare...non dovevo allontanarmi...
Squarci di sole, tra i rami degli alberi, riescono lievamente a illuminare il sentiro
ricoperto di foglie secche, pieno di ostacoli...
Cinguetti allegri intorno...
sembrano prendersi gioco della mio disorientamento,della mia paura
..
giro su me stessa...cercando di ritornare sui miei passi...ma non riesco ad orientarmi..
Rami sec
chi scricchiolano al mio passaggio
...
rumori a distanza...lontani leggermente impercettibili
...cerco di distinguerne il senso...
ma con scarsi risultati.
Il tempo passa...il sole inizia a levarsi

...devo sbrigarmi!devo muovermi...

L'ansia inizia ad invadermi..
..impreco... ...quel'è la strada giusta?!
Giro tra gli alberi...sfiorandoli con le mani...
in una sorta di corsa isterica... la paura mi annebbia la vista.. mi fa muovere senza meta...scappando da rumori...che non distinguo.
In questa corsa cieca inciampo in un sasso e cado.

Un dolore pungente
sulle giocchia ,ora sbucciate, da cui escono puntini di sangue, e alle mani, dove piccole pietroline sono rimaste incastonate insieme del terriccio.
Senza nemmeno la forza di piangere, o di urlare..impreco leggermente..e poggiandomi sui gomiti
,con fatica, mi rialzo.
E' buio...e ormai cammino alla cieca, un pò zoppicando, sorreggendomi a quegli alberi..leggermente, sfiorandoli appena.
Con le lacrime agli occhi chiamo gli altri...
ma come unica risposta solo l'eco della mia voce.

lunedì 10 novembre 2008

sWord





Faccia a faccia...
Occhi dentro occhi..

brandendo ognuno la propria spada..con forza e vigore...

Stretta, sostenuta con forza in mani chiuse in pugni.
Continuando a sostenere lo sguardo
riduciamo le distanze..
le nostre spade, guidate dalle nostre mani si scontrano...

si allontanano e si riavvicinano...in rapidi movimenti
...
producendo quel ritmico rumore metallico.
Lo sforzo di questa lotta
...ci incita a piccoli gemiti
..
lettere senza senso ...alcune urlate, altre appena percettibili..
Con fatica ci difendiamo..

Spada contro spada.

...la resa non è contemplata!
Riesco finalmente a scalfire un solco nella tua pelle...
ma per niente indebolito
..
più forte di quell'affronto..
Continui...fino al colpirmi..

Stanca
...riesci a disarmarmi..

priva di difese, bloccata dal tuo corpo che ormai mi sovrasta...
I nostri sguardi si scontrano ancora
,in un rapido istante,

mi infliggi il colpo fatale...la tua spada ormai dentro il mio corpo...

Nel mio ultimo istante di vita
tolgo il mio sguardo al tuo

e fisso quella luna che ci sovrasta..

quella luna che ci illumina, con il suo pallore, di luce riflessa dal sole..